Casatiello Napoletano

 

Casatiello NapoletanoSiamo un po’ fuori periodo, ma essendo così lontano da casa non c’è cosa più bella che possa fare che ritornare alle origini, alle tradizioni, cucinando qualcosa che è mangio da quando ero piccolissimo :-).

La ricetta è molto semplice, ma la cosa complessa è la lievitazione che è estremamente lunga… ma vi assicuro che ne vale la pena.

Gli ingredienti sono di facile reperimento, anzi si può usare come ricetta svuota-frigo, l’unica cosa che dovete procurarvi e un po’ di buona sugna, ve ne serviranno giusto 3 cucchiai più qualche altro po’ per ungere la teglia, rigorosamente con il buco!!

 

  • 500 gr di farina
  • 1 cubetto di lievito
  • 2 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiaini di pepe
  • 3 cucchiai colmi di sugna
  • acqua calda per impastare
  • Salumi vari per il ripieno (io solitamente uso 1 salame napoli, un salame piccante, un pezzo di emmental, 4/5 fette di prosciutto)
  • uova per decorare

Sciogliete il lievito in un po’ d’acqua calda, che poi metterete al centro della vostra farina disposta a fontana su un piano da lavoro. Al centro della fontana mettete anche il sale, il pepe e la sugna.
Con l’acqua calda iniziate ad amalgamare gli ingredienti, le vostre mani saranno molto appiccicose, ma ne vale la pena!! Il risultato finale sarà una pasta consistente, ma appiccicosa. Vi consiglio di non utilizzare robot da cucina, il risultato non è grandioso, a meno che non lo utilizziate solo per amalgamare la sugna con l’acqua.

Mettete a lievitare il composto in un posto al calduccio di casa per 3 ore. Passato il primo tempo di lievitazione tagliate il ripieno e mescolatelo alla pasta (che sarà un po’ meno appiccicosa). Ungete il ruoto (col buco) con altra sugna 3 schiacciate l’impasto amalgamato con il ripieno sul fondo. Mettete sulla superficie le uova crude come decorazione(cotte in forno sono buonissime!) e lasciate a lievitare nel solito posto al calduccio per altre 4 ore.

Preriscaldate il forno circa 10 minuti prima ed infornate il ruoto per 1 ora a 200°. Alla fine del tempo il casatiello sarà gonfio è colorato.

L’odore appena sfornato è molto invitante, ma abbiate pazienza e dategli qualche ora per “riprendersi”.

Sformate. Servite. Buon appetito!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>